V edizione SUMMER MELA - Musica - Danza - Cinema

Anteprima nazionale del cortometraggio "Lettre à ma F

 

ALAIN DANIÉLOU – IL LABIRINTO DI UNA VITA

Un film documentario di RICCARDO BIADENE

78’, Svizzera/Italia 2017, prodotto da FONDAZIONE FIND e KAMA PRODUCTIONS

CINEMA FARNESE / 29/06/2017 ore 21

biglietto 5 euro, ridotto 4

Alla proiezione saranno presenti il REGISTA, GIORGIO MILANETTI (Università La SAPIENZA),

ADRIÀN NAVIGANTE (FIND) e lo scrittore EMANUELE TREVI.

 

--------


tradizionale indiana, “la Musica degli Dei".

ALAIN DANIÉLOU – IL LABIRINTO DI UNA VITA è

un viaggio musicale avventuroso che parte dalla Bretagna, passando poi per l'India (Shantiniketan, Varanasi, Khajuraho, Konarak, Bhubaneshwar, Chennai, Pondicherry), Parigi, Berlino, Venezia e Roma, seguendo la storia del francese Alain Daniélou, indologista e musicologo vissuto prevalentemente in India tra gli anni '30 e gli anni '60.

 

EVENTI SPECIALI

 

Robert Doisneau - La lente delle Meraviglie 

di Clementine Deroudille

In programmazione dal 22 al 29 giugno alle 18.30


Poster 
 

 

Dal giovedì 29 giugno, Ore 18.30 

MY ITALY  di Bruno Colella 

Sebastiano Somma, Alessandro Haber e tanti altri

 

Poster

FINDING FELA

Finding Fela - Il potere della musica, girato dal premio Oscar Alex Gibney, si muove su due piani: da un lato segue l'allestimento del musical Fela!, apprezzata piece premiata con undici nomination ai Tony Awards nel 2010 e vincitrice di tre, dall'altro indaga chi fosse veramente questo musicista e perché ha ricoperto un ruolo così fondamentale per la musica mondiale.

Fela Kuti è stato un artista nigeriano, inventore dell'afrobeat e riconosciuto da artisti del calibro di Bono degli U2 come uno dei personaggi che hanno influenzato maggiormente la musica nel Ventesimo secolo. Fela, però, non si è fermato solo alle note, ma si è speso attivamente per portare alla luce i soprusi del sistema dittatoriale nigeriano. Figlio di una famiglia benestante, ha avuto la possibilità di formarsi a Londra, rendendosi conto delle ingiustizie subite dalla sua gente. L'opposizione netta nei confronti di uno stato militarizzato gli hanno causato non pochi problemi: imprigionato e picchiato in più occasioni, una sera è stato appiccato un incendio nella villa in cui viveva e, oltre a perdere l'abitazione, lo studio di registrazione con il nuovo disco pronto, in quell'occasione la madre ha subito dei danni fisici che l'hanno portata alla morte. Fela non si è arreso e ha continuato a lottare strenuamente contro il governo nigeriano, attirando l'attenzione di Amnesty International che si è battuta al suo fianco, insieme a molti musicisti del panorama internazionale. Il film non vuole mostrare, però, un santo, ma vuole raccontare chi fosse veramente questo musicista, morto nel 1997 per le complicazioni dell'AIDS, mettendo in luce anche alcune ombre della sua vita.  

Presentato al Sundance Film Festival nel 2014, il film vede coinvolta attivamente Amnesty International Italia che ne patrocinia l'uscita al cinema.

FINDING FELA

Finding Fela - Il potere della musica, girato dal premio Oscar Alex Gibney, si muove su due piani: da un lato segue l'allestimento del musical Fela!, apprezzata piece premiata con undici nomination ai Tony Awards nel 2010 e vincitrice di tre, dall'altro indaga chi fosse veramente questo musicista e perché ha ricoperto un ruolo così fondamentale per la musica mondiale.

Fela Kuti è stato un artista nigeriano, inventore dell'afrobeat e riconosciuto da artisti del calibro di Bono degli U2 come uno dei personaggi che hanno influenzato maggiormente la musica nel Ventesimo secolo. Fela, però, non si è fermato solo alle note, ma si è speso attivamente per portare alla luce i soprusi del sistema dittatoriale nigeriano. Figlio di una famiglia benestante, ha avuto la possibilità di formarsi a Londra, rendendosi conto delle ingiustizie subite dalla sua gente. L'opposizione netta nei confronti di uno stato militarizzato gli hanno causato non pochi problemi: imprigionato e picchiato in più occasioni, una sera è stato appiccato un incendio nella villa in cui viveva e, oltre a perdere l'abitazione, lo studio di registrazione con il nuovo disco pronto, in quell'occasione la madre ha subito dei danni fisici che l'hanno portata alla morte. Fela non si è arreso e ha continuato a lottare strenuamente contro il governo nigeriano, attirando l'attenzione di Amnesty International che si è battuta al suo fianco, insieme a molti musicisti del panorama internazionale. Il film non vuole mostrare, però, un santo, ma vuole raccontare chi fosse veramente questo musicista, morto nel 1997 per le complicazioni dell'AIDS, mettendo in luce anche alcune ombre della sua vita.  

Presentato al Sundance Film Festival nel 2014, il film vede coinvolta attivamente Amnesty International Italia che ne patrocinia l'uscita al cinema.

IN PROGRAMMAZIONE

 

FORTUNATA     un film di Sergio Castellitto   Official Selection UN CERTAIN REGARD Festival di Cannes    

orari 16.30 - 20.30 e 22.30

  

Due uomini, quattro donne e una mucca depressa è una commedia corale e "terapeutica" che si svolge sullo sfondo di una allegra provincia spagnola.Il film è una commedia corale e 'terapeutica' che si svolge sullo sfondo di una allegra provincia spagnola. È qui che Edoardo (Miki Manojlovic), compositore in crisi affettiva e creativa, si prende un periodo sabbatico e incontra uno sgangherato coro polifonico, del quale fanno parte quattro donne che cambieranno la sua vita….ma anche la loro!   ***  

ROBERT DOISNEAU

 

LA LENTE DELLE

MERAVIGLIE

 

un film di Clementine Deroudille

(Fr, 2016 . 78')

versione originale con sott.italiano

 

Grazie a un ricco archivio di immagini inedite, interviste ai suoi amici, “complici” e rarissimi video di repertorio, Robert Doisneau – La lente delle meraviglie è lo straordinario ritratto di uno dei più grandi fotografi del XX secolo, noto per capolavori immortali come “Il bacio” e per un approccio profondamente umanista verso l'Arte. Il film racconta la sua vita da giovane ragazzo delle periferie fino a diventare una superstar della fotografia, mostrando tutta la sua determinazione a divenire il più grande “ritrattista della felicità umana".

 

 

*********

GRANDE EVENTO ECCEZIONALE!!! 

PER LA PRIMA VOLTA SUL GRANDE SCHERMO.


Belleview Hotel Poster 

ROME INTERNATIONAL FILM SCHOOL

http://www.romefilmschool.org/ presenta

BELLEVIEW HOTEL

Pilota per la nuova serie TV

GRAY AREAS

Ideato da: CARL HABER & CARMEN BURCEA-HABER

“Belleview Hotel” (ITA 2017); DCP, color, 5.1 Dolby surround; lingua: Italiano e inglese (versione sottotitolata in italiano), 28 minuti

Dal 15 Giugno al Cinema Farnese, Roma, Belleview Hotel, episodio pilota della serie tv Gray Areas: humor inglese e

racconti macabri nelle campagne romane.

Tutte le sere alle ore 20:00
Belleview Hotel è in programmazione al Cinema Farnese prima dello spettacolo serale,

ingresso libero per gli spettatori del cinema Farnerse in possesso di un biglietto di uno spettacolo giornaliero.

Trailer su vimeo diretto: https://vimeo.com/217814682